Stati Uniti:l'autismo colpisce 1 bambino su 45

1 bambino su 45 negli Stati Uniti ha l'autismo, nel 2014, quasi il doppio del tasso nel periodo 2011-2013, secondo un censimento recente.

 Come spiegare tale aumento? Questo salto è dovuto in realtà ad una ridefinizione della malattia e un cambiamento nella metodologia.

 

Le ultime statistiche dei Centri federali per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) pubblicato Venerdì mostrano che il 2,24% dei bambini americani sono stati diagnosticati con autismo nel 2014. Nel 2011-2013, essi rappresentavano il 1,25% dei bambini americani (1 80).

"Cambiamenti significativi si sono verificati nel modo di porre domande" per diagnosticare la malattia multifattoriale e in gran parte genetica, ha detto Katie Walton, un esperto di autismo presso l'Università dell'Ohio (nord).

 

"I disturbi dello spettro autistico (ASD) ora comprendono molti aspetti  più ampi di quello che noi chiamiamo sintomi dell'autismo in passato, quindi penso che (queste cifre) includono un numero significativo di bambini che hanno ricevuto una diagnosi diversa precedentemente" , ha proseguito il ricercatore, che non era coinvolto nell'indagine CDC.

 

.Nel sondaggio,  che ha coinvolto 11.000 genitori, l’autismo non figurava nella lista delle 10 malattie passate in rassegna. Ai genitori è stato chiesto se il loro bambini avesse sofferto di un handicap intellettuale. In caso di risposta positiva, abbiamo poi chiesto loro se fossero stati diagnosticati nei bambini disturbi dello spettro autistico o un altra forma di ritardo dello sviluppo.

 

La prevalenza di autismo negli Stati Uniti è aumentato da 1 a  5.000 nel 1975 a 150 nel 2002 a 68 nel 2012, triplicando negli ultimi dieci anni.

I ricercatori della Penn State University avevano già notato in uno studio pubblicato nel mese di luglio nell' American Journal of Medical Genetics, che ha spiegato come diagnosticare questo aumento.

 

"Questo aumento potrebbe essere attribuito a una riclassificazione della diagnosi di disturbi neurologici maggior parte dei bambini, piuttosto che una vera e propria esplosione di nuovi casi di autismo," ha avuto, hanno concluso, dopo aver analizzato i dati dei bambini iscritti nei programmi educazione speciale per undici anni.

Alla domanda circa gli ultimi dati del CDC, l'autore principale dello studio Santohosh Girirajan stima che il nuovo approccio CDC è stato un miglioramento.

"Sempre più persone vengono diagnosticati come avviene autismo con altri disturbi le parti", ha detto. L'autismo è un disturbo pervasivo dello sviluppo che si manifesta in particolare difficoltà a stabilire interazioni sociali e di comunicazione. Appare nella prima infanzia e persiste in età adulta.


Fonte lesechos.fr