Gli effetti degli operanti verbali formazione e risposta e reindirizzamento a vocalizzazioni appropriate

Abstract

 

Precedenti ricerche hanno dimostrato che l'interruzione di risposta e il reindirizzamento (RIRD) può efficacemente ridurre automaticamente comportamento motorio rinforzato  (Hagopian & Adelinis, 2001). Ahearn, Clark, MacDonald, e Chung (2007) hanno trovato che un adeguamento procedurale di RIRD riduca le stereotipie  vocali  e aumentando  vocalizzazioni appropriati per alcuni bambini, anche se vocalizzazioni adeguati non sono stati  presi lavorati  direttamente. Lo scopo di questo studio era quello di esaminare gli effetti  di lavoro diretto su linguaggio appropriato (ad esempio, la formazione operante verbale) sulla stereotipia vocale e appropriato discorso a 3 bambini con un disturbo dello spettro autistico. Gli effetti di operante verbale (cioè, tatto) la formazione sono stati valutati in un disegno di base multipla non concurrenti tra i partecipanti. Inoltre, RIRD è stato realizzato con 2 dei 3 partecipanti per ridurre ulteriormente i livelli di stereotipia vocale. La formazione operante verbale produce  leggermente più bassi livelli di stereotipia e aumentato vocalizzazioni appropriate per tutti e 3 i partecipanti; tuttavia,il  RIRD è stato richiesto di produrre accettabilmente a livelli bassi  di stereotipia per 2 dei 3 partecipanti.

 

 

L’ecolalia è tra i criteri fondamentali per la diagnosi di individui con disturbo dello spettro autistico (ASD; Lewis & Bodfish, 1998). Due forme di ecolalia, immediato e ritardato, sono state descritte in letteratura.  L’ecolalia immediata è definita come il ripetere  il discorso degli altri subito dopo si parla, mentre ecolalia ritardata comporta la ripetizione di parole, suoni o frasi che sono inadeguato al contesto attuale (Ahearn, Clark, MacDonald, e Chung, 2007; Schreibman & Carr, 1978 ). In molti casi, le espressioni non sono chiaramente articolate ripetizioni e prendono la forma di balbettio, strillando, o grugnendo  ripetutamente. Ahearn et al. (2007) di cui tutti questi tipi di vocalizzazioni come stereotipia vocale.

 

I bambini con ASD sono spesso più propensi a emettere rumori ripetitivi o parole non contestuali  di quanto lo siano per comunicare in modo appropriato ed efficace. Impegnarsi in questa forma di stereotipia presenta diversi effetti potenzialmente negativi per questi individui. La stereotipia interferisce con le interazioni sociali positive, acquisizione di competenze e abilità di gioco del caso (Dunlap, Dyer, e Koegel, 1983). Inoltre, tale comportamento può essere stigmatizzante in contesti di comunità (Jones, Wint, e Ellis, 1990;. MacDonald et al, 2006; Schreibman & Carr, 1978; EA Smith & Van Houten, 1996). Così, riducendo la stereotipia vocale e lo sviluppo di comportamenti verbali funzionale nei bambini con ASD sono importanti obiettivi clinici.

 

Anche se alcune ricerche sulla stereotipia hanno  indicato la mediazione di conseguenze sociali, analisi funzionali della stereotipia vocale spesso hanno dimostrato di essere mantenuto  da conseguenze sensoriali (Ahearn et al, 2007;. Taylor, Hoch, e Weisman, 2005). I comportamenti auto-stimolatori appartengno  a una classe di risposte operanti che presumibilmente sono rinforzati da stimoli percettivi e sensoriali prodotte automaticamente impegnandosi nella risposta (Lovaas, Newsom, e Hickman, 1987). Le Contingenze di rinforzo non sociali rappresentano una sfida per il trattamento perché le conseguenze di rinforzo non sono accessibili a terzi (Vollmer, 1994) e non possono essere facilmente manipolati durante l'intervento.

 

Molti ricercatori hanno utilizzato l'interruzione del comportamento auto-stimolatorio, o la risposta di blocco, per ridurre efficacemente il comportamento problema rinforzato automaticamente (Fellner, LaRoche, e Sulzer-Azaroff, 1984; Hagopian & Adelinis, 2001; Lerman e Iwata, 1996; Rincover 1978 , RG Smith, Russo, e Le, 1999). Purtroppo,il  blocco della risposta  da sola può causare effetti collaterali come l'aggressività. Hagopian e Adelinis (2001) hanno trovato che il reindirizzamento era un accompagnamento necessario alla risposta di blocco per stereotipia motore per ridurre gli effetti collaterali e aumentare le forme appropriate di comportamento. Ahearn et al. (2007) hanno sviluppato una procedura pratica per superare le sfide insite nella vocalizzazioni che bloccano fisicamente e denominato l'interruzione procedura di risposta e il reindirizzamento (RIRD). A seguito di valutazione funzionale che indica che la stereotipia vocale è stata rafforzata automaticamente, gli autori hanno valutato gli effetti di RIRD utilizzando un disegno di ritiro. Contingente sulla stereotipia, il terapeuta ha indotto il bambino a emettere linguaggio appropriato che era già nel suo repertorio (ad esempio, l'imitazione vocale, le risposte alle domande sociali). Queste istruzioni sono state consegnate dopo ogni istanza di stereotipia fino a quando il partecipante ha rispettato tre richieste consecutive  in assenza di stereotipia. Tutti e quattro i partecipanti hanno sperimentato una diminuzione della stereotipia vocale, e non insegnando vocalizzazioni appropriate aumentato per tre dei quattro partecipanti come un ulteriore effetto, ma non mirati di trattamento.

 

Altri studi hanno anche mostrato che le procedure di acquisizione di abilità, non solo aumentano  direttamente il comportamento adeguato, ma può anche diminuire un comportamento inadeguato. Ad esempio, la procedura di indicazione-pausa-punto  sviluppato da McMorrow e Foxx (1986) è stato utilizzato per sostituire vocalizzazioni inappropriate (ad esempio, ecolalia immediata) con vocalizzazioni appropriate (ad esempio, per dire "fine" alla domanda "Come stai?" ). Istruzione specifica (ad esempio, la formazione operante verbale) possono competere efficacemente con la stereotipia vocale, aumentando nel contempo il repertorio verbale dell'individuo e la promozione del linguaggio  funzionale al posto della stereotipia. La formazione dell’ operante verbale si basa sul quadro stabilito da Skinner (1957), e definisce operanti verbali base al loro antecedente di  controllo e gli eventi conseguenti. Ad esempio, Skinner ha definito il Tact come un operante verbale che viene evocato da uno stimolo non verbale, come ad esempio un oggetto o un evento, ed è mantenuto da rinforzo aspecifici come un rinforzo generalizzato o sociale. In confronto, i comandi si riferiscono ad un operante verbale mantenuto da conseguenze specifici relativi ad una operazione motivazionale (Laraway, Snycerski, Michael, e Poling, 2003), come la privazione o la stimolazione avversiva (Michael, 1988). Questi due operanti verbali, insieme con l’ecoico  (cioè, l’esatta riproduzione di uno stimolo vocale) sono gli obiettivi primari nella formazione linguistica precoce per i bambini con ASD (Sundberg e Michael, 2001).

 

L'attuale studio ha esteso la ricerca condotta da Ahearn et al. (2007) di esaminare gli effetti di una formazione specifica dell’operante verbale sulle vocalizzazioni appropriate e stereotipie vocali con i bambini con diagnosi di ASD. Lo scopo di questo studio era di determinare se la stereotipia vocale sarebbe  diminuita  a seconda dei casi  di un un aumento del linguaggio  senza usare il  RIRD. Tutti i partecipanti hanno emesso una richiesta ; perciò, i tact sono stati più appropriati nell’insegnamento degli operanti verbali. 

 

L'intero studio effettuato  potete trovarlo qui : http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3297330/