Chiede di andare in bagno, ragazzo autistico cacciato da un bar al centro di Roma

L'ignoranza è sempre nascosta dietro l'angolo e anche stavolta non ha fatto sconti a chi vive una disabilità come l'autismo, questa è la storia di Giacomo ragazzo autistico ventenne tranquillo e bello  che  va in giro per Roma con il suo assistente di fiducia  Luca , operatore che lo accompagna dappertutto perchè Giacomo non è autonomo, il ragazzo fa capire al suo operatore che deve andare in bagno e si fermano al primo bar nei pressi del loro cammino, Luca ha chiesto alla barista se potevano usare il bagno, spiegando che Giacomo è un ragazzo disabile e ha bisogno di assistenza.

La donna ha storto il naso mentre Luca entrava il bagno per assistere Giacomo, perché la toilette era anche sprovvista di carta igienica. A quel punto la donna ha iniziato a urlare, intimando ai due da fuori la porta di uscire perché non si poteva stare in due nel bagno...lì ha cacciati in malo modo invitandoli a utilizzare i bagni di un vicino Mc Donald's. Luca -l'operatore -è un ragazzo tranquillo, discreto...ha due lauree e da dieci anni si occupa di autismo...né lui né Giacomo hanno proferito parola, né importunato alcun cliente...Un altro caso di ignoranza e inciviltà attorno ad una patologia come quella dell'autismo....