HOME   /  Chi siamo   /  Cos'è l'autismo

Cos'è l'autismo

L’Autismo è una disfunzione neurologica , la cui manifestazione sia, però, predisposta al cambiamento, in alcuni casi i cambiamenti sono così radicali da per-mettere all’individuo di raggiungere un livello di fun-zionamento intellettivo o sociale entro la norma e di mantenere tali progressi nel tempo . L’obiettivo diventa quindi quello di incrementare repertori comportamentali socialmente significativi e di ridurre quelli problematici attraverso l’impostazione di un programma comprensivo che include i seguenti elementi : Intervento intensivo, Intervento precoce , intervento massiccio della famiglia , curriculum individualizzato e comprensivo che comprende tutte le aeree evolutive che non sia di tipo manualistico . Gli obiettivi devono seguire il più possibile una sequenza evolutiva ed essere funzionali all’inserimento dell’individuo in un contesto sociale appropriato ( casa, scuola,lavoro).

 

Attualmente negli Stati Uniti si stima (  statistiche CDC) che 1:68 sia un bambino autistico in Italia la stima è ancora 1:150 ma il forte aumento di diagnosi sta diventando fortemente enorme.

 

L'autismo  colpisce precocemente i bambini, che tra i 18 mesi e i 3 anni d'età circa, subiscono una severa regressione nelle capacità di comunicare; il numero dei vocaboli acquisiti fino a quel momento inizia a ridursi, e nella maggior parte dei casi in forma grave fino anche alla perdita totale del linguaggio.
Questo grave scompenso colpisce purtroppo tutta la sfera della comunicazione. I bambini che si richiudono completamente in se stessi, non riescono più a sopportare gli stimoli che arrivano loro dal mondo circostante.
Anche il contatto oculare con altre persone diventa un'esperienza difficilmente sopportabile, ed è importante sottolineare, che esso è una delle prime forme di comunicazione.
È proprio l'incapacità, o nei casi meno gravi, semplicemente la difficoltà di comunicare su molti aspetti che accomuna gli autistici, unita ad altri deficit, e disturbi quali: l'interazione sociale, l'iperattività, significativi problemi comportamentali, disturbi intestinali, enorme difficoltà nel gestirsi ai cambiamenti d'ogni genere, e una risposta non adeguata al dolore o al tatto, quest'ultimi si uniscono ad altri aspetti riconducibili a problemi sensoriali.
La loro difficoltà, nell'interagire con altri individui, quali i propri coetanei, li porta ad isolarsi sempre più.

 

Dall'autismo non si guarisce ma si può migliorare tanto attraverso un percorso di  intervento di tipo comportamentale( più comunemente chiamato ABA/VB) in cui la ricerca ha evidenziato che agendo tempestivamente e in modo precoce su quei comportamenti che sono inadeguati socialmente e sostituirli con comportamenti più ideonei anche ai contesti.

 

L'Analisi del comportamento Applicata non è un metodo ma una scienza che permette a questi bambini di migliorare tantissimo.

Focus autismo su Telenuova
15 giugno 2017

Ringraziamo il direttore Au...

L’ASL deve attuare il progetto terapeutico (Tar Salerno 890/17)

Il TAR Campania, Seconda Se...

VITTORIA: SENTENZA DEL TAR CAMPANIA, SEZIONE STACCATA DI SALERNO PER IL PTRI

L'Associazione ONLUS Autism...

Annuncio per Tutor Eboli

L’associazione AUTISMO FUOR...